Tu sei qui

FESTE IN PIAZZA

McDonald's porta lo sport in piazza!

McDonald’s porta in piazza lo sport in veri e propri villaggi allestiti nelle città Italiane: un’occasione imperdibile per provare tanti sport diversi insieme agli istruttori del CSI e grandi campioni sportivi, che partecipano a tutti gli eventi e giocano con i più piccoli. All'interno dei villaggi, i bambini possono cimentarsi nelle diverse discipline imparando i movimenti corretti e sicuri dagli istruttori e sfidare i propri genitori in tiri di precisione e giochi appassionanti.

Nel 2017, le feste saranno a:

• San Benedetto del Tronto
   Ospiti: Carlotta Ferlito, Massimiliano Rosolino, Edwige Gwend, Alessandro Fabian
   C/O Piazza Giorgini
   8 Giugno - dalle 10:00 alle 19:00

• Fano
   Ospiti: Carlotta Ferlito
   C/O Plungomare in Via Cesare Simonetti (angolo Via Cairoli)
   20 Luglio - dalle 9:30 alle 20:00

• Reggio Emilia
   Ospiti: Massimiliano Rosolino
   C/O Piazza Martiri del 7 Luglio
   23 Settembre - dalle 14.30 alle 19.30
   24 Settembre - dalle 9:30 alle 19:00

• Brescia
   Ospiti: Edwige Gwend, Massimiliano Rosolino e Alessandro Fabian
   Piazzale Centro Commerciale Freccia Rossa
   30 Settembre - dalle 14.30 alle 19.00
   1 Ottobre - dalle 9:30 alle 18:30

• Napoli
   Ospiti: Massimiliano Rosolino e Edwige Gwend
   Piazza Dante
   7 Ottobre - dalle 10:00 alle 18.00

Torna a trovarci su questa pagina per scoprire gli appuntamenti 2017!

 

Curiosità olimpiche!

Un mondo di bandiere e colori.

Perché i cinque cerchi delle Olimpiadi hanno i colori azzurro, nero, rosso, giallo, verde?
È risaputo che i cinque anelli che formano il simbolo delle Olimpiadi rappresentano i cinque continenti, ma forse non tutti sanno che ciascuno dei cinque colori (compreso il bianco dello sfondo) compare almeno una volta in tutte le bandiere del mondo! Un'altra maniera per simboleggiare l'unione di tutte le nazioni della Terra.

Olimpiadi per tutti!

Che cosa sono le "Olimpiadi parallele"?
È risaputo che i cinque anelli che formano il simbolo delle Olimpiadi rappresentano i cinque continenti, ma forse non tutti sanno che ciascuno dei cinque colori (compreso il bianco dello sfondo) compare almeno una volta in tutte le bandiere del mondo! Un'altra maniera per simboleggiare l'unione di tutte le nazioni della Terra.

L'eroe scalzo.

Chi fu il primo atleta africano a vincere una medaglia d'oro alle Olimpiadi?
Il primo atleta del continente africano a vincere una medaglia d'oro olimpica fu l'etiope Abebe Bikila che, durante le Olimpiadi del 1960, svoltesi a Roma, vinse la maratona. Questo atleta sorprese tutti presentandosi sulla linea di partenza senza scarpe e percorrendo trionfalmente gli oltre 42 chilometri del percorso. Quattro anni dopo vinse ancora la maratona olimpica (questa volta a Tokyo), diventando una leggenda dello sport africano e mondiale.

Proiettili umani.

A che velocità può viaggiare uno slittino?
Lo slittino è uno sport olimpico invernale in cui ogni dettaglio è studiato per migliorare la velocità di discesa: le tute degli atleti sono molto aderenti, il casco protettivo è molto affusolato, scarponcini e guanti hanno rinforzi per una migliore presa in fase di partenza e gli slittini sono molto ribassati per una migliore resa aerodinamica. Con questi accorgimenti uno slittino può raggiungere una velocità molto elevata: fino a 140 km orari! Un vero proiettile umano.

Un'occasione da prendere al volo... in riva al mare!

Come si chiama la pallavolo da spiaggia?
Due squadre composte da due giocatori ciascuna si affrontano su un campo di sabbia separato da una rete alta oltre 2 metri: è il beach volley, la pallavolo da spiaggia. Molte regole sono in comune con la pallavolo, anche se cambia il numero di giocatori, le caratteristiche del pallone, le possibilità di ricezione e le posizioni in campo. Questo sport divenne disciplina olimpica nel 1996 ad Atlanta (Stati Uniti).

Un tennis molto particolare...

In quale sport olimpico si utilizza il volano?
Il gioco del badminton assomiglia a quello del tennis: invece che una pallina, la racchetta colpisce un volano facendogli oltrepassare la rete e mandandolo nella metà campo dell'avversario, che deve colpirlo al volo. È uno sport che richiede una grande prontezza di riflessi oltre che agilità fisica. Questo gioco sembra avere origini antichissime (addirittura qualche millennio) e ha le sue radici in India (o Cina), da dove venne importato in Inghilterra. Il suo nome deriva dal castello inglese in cui questo gioco venne praticato per la prima volta nel Vecchio Continente.

Protezioni da combattimento.

In quale sport olimpico si gareggia con guantoni e caschetto?
La boxe olimpica viene praticata da atleti che utilizzano i guantoni per le mani e si proteggono la testa con un caschetto per attutire i colpi dell'avversario. Dalla prossima edizione, però, questa protezione verrà eliminata facendo gareggiare gli atleti a viso scoperto, come succedeva ai tempi delle Olimpiadi di Roma del 1960 quando divenne campione olimpico il puglie più famoso di tutti i tempi, Cassius Clay (Muhammad Ali).

Datemi un appoggio e scoccherò la freccia!

Nel tiro con l’arco che cos’è il riser?
Nello sport olimpico del tiro con l'arco, il riser è il corpo centrale dell'arco, la parte che si impugna quando si tende con forza l'attrezzo prima di scoccare il tiro. Esistono diversi tipi di riser: hanno lunghezze differenti e sono realizzati con materiali differenti (legno, alluminio, carbonio).