Tu sei qui

EMISSIONI

Emissioni

Nel 2009, il sistema di 392 ristoranti aveva prodotto 405.100 tonnellate di CO2 complessive, di cui 126.900 tonnellate causate da consumi di elettricità e gas, gas refrigeranti, acqua, rifiuti dei ristoranti, consumi della sede e mobilità dello staff. Questo valore equivale a 1,08 Kg di CO2 per scontrino. Nel 2013, il sistema (ormai cresciuto a 465 ristoranti) ha prodotto 431.472 tonnellate di CO2 di cui 71.988 tonnellate causate da consumi di elettricità e gas, gas refrigeranti, acqua, rifiuti dei ristoranti, consumi della sede e mobilità dello staff. Questo valore equivale a 0,48 Kg di CO2 per scontrino. Nel quinquennio, quindi, si registra una diminuzione del 55% della Carbon Footprint, che equivale a 6 milioni di alberi risparmiati Questo è stato possibile grazie a un insieme di fattori, tra i quali:

Controllo dei consumi e azioni per ridurre gli sprechi.
Sia attraverso un comportamento più attento da parte dei dipendenti sia attraverso l’installazione di apparecchiature di nuova generazione (da software per la modulazione dei climatizzatori a nuove friggitrici e frigoriferi)
Sostegno alle fonti di energia rinnovabile.
Tramite le certificazioni RECS (Renewable Energy Certificate System) e GO (Garanzia di Origine Italiana) grazie alle quali è stata possibile la produzione di 163 milioni di Kwh da fonti rinnovabili italiane, quantitativo energetico pari a quello consumato da 65.000 famiglie.
Riscaldamento dell’acqua potabile con pannelli solari.
Gestione più efficiente dei rifiuti.
Reverse logistics per il recupero dell’olio di frittura, adozione di macchine speciali che compattano fino al 60% i rifiuti del ristorante, riciclo dei cartoni, raccolta differenziata.